Questa traduzione è incompleta. Collabora alla traduzione di questo articolo dall’originale in lingua inglese.

Come di consueto, il primo programma quando si sta imparando un nuovo linguaggio di programmazione è chiamato "Hello, world!" (in italiano "Ciao, mondo!"). È un programma molto semplice che scriverà a video la stringa "Hello, world!" tramite console. Ma, come vedremo a breve, ci sono molte cose anche in un programma che è così semplice. Quindi iniziamo ad accendere i motori dell'interprete di Python3 e scriviamo il programma "Hello, world!".

>>> print("Hello, world!")
Hello, world!
>>>

Da questa singola riga di codice, possiamo già imparare un paio di cose su Python.

Prima di tutto, introduce il concetto di stringa testuale. Una stringa testuale (o semplicemente "stringa") è una sequenza di caratteri.

Una stringa è delimitata dalle doppie virgolette agli estremi della stessa, e può contenere ogni tipo di carattere stampabile e qualche altra sequenza speciale (ci torneremo più avanti).

Prima di andare avanti, dovresti tenere presente che puoi comportarti con le stringhe come precedentemente fatto con le espressioni aritmetiche. Quindi proviamo a inserire una stringa nel prompt e vedere cosa succede.

>>> "Hello, world!"
'Hello, world!'

L'interprete ti sta dicendo che il valore della stringa "Hello, world!" è, beh, 'Hello, world!'. Potresti aver notato che l'interprete stia tornando una stringa chiusa tra apici singoli invece dei doppi. Questo perché, in Python, sono sintatticamente equivalenti. La differenza è che, per convenzione, si dovrebbero mettere le stringhe che saranno stampate a video all'utente tra apici doppi, mentre tutti gli altri tipi di stringa (per esempio gli indirizzi dei file) tra quelli singoli.

Andando avanti con il nostro semplice programma, chiamiamo la funzione print, passandogli la stringa "Hello, world!" come argomento. Per ora pensa a una funzione come a un qualcosa che, ricevuto un dato, fa qualcos'altro con quest'altro. Gli argomenti di una funzione (il valore che passiamo) sono racchiusi tra le parentesi tonde e, se ce ne sono più di uno, separati da virgole. Quindi, per esempio, la funzione pow eleva un numero (base) per un altro (esponente). Quindi per ottenere il valore di 32 scriveremo

>>> pow(3, 2)
9

Nel caso particolare di print, può ricevere una stringa o un numero e stamparlo a video. Nota che, quando si passa una stringa, print elimina le virgolette prima di stamparla.

print può anche essere passata un'espressione.

>>> print(6 * 3)
18

Qui, de facto, stiamo passando a print il risultato della moltiplicazione tra 6 e 3. L'interprete prima svolgerà l'espressione e poi passerà il risultato alla funzione print. Perché scrivere semplicemente 6 * 3 all'interno dell'interprete sarà più chiaro nei prossimi tutorial, quando andremo a salvare i nostri codici all'interno di un file.

Tag del documento e collaboratori

Hanno collaborato alla realizzazione di questa pagina: PyQio
Ultima modifica di: PyQio,